TROFEO MONTE CHABERTON: 26 KM DI SFIDA, DOVE OSANO GLI SKYRUNNER

Giovedì 20 giugno la sede di corso Inghilterra della Città Metropolitana di Torino ha ospitato la conferenza stampa ufficiale del Trofeo Monte Chaberton, che torna domenica 30 giugno a Cesana, insieme alla Chaberton K2 di 8 km in salita e alla Chaberton Speed Run di 9 km con 285 metri di dislivello. Il Trofeo propone 26 chilometri di skyrace e 2000 metri di dislivello: una sfida inserita nel calendario delle Skyrunner Italy Series, il più importante circuito italiano del settore. La manifestazione è patrocinata dalla Città Metropolitana di Torino.

La corsa partirà alle 9 da piazza Europa a Cesana e, dopo un inizio in falsopiano fino alla frazione di Fenils, gli atleti cominceranno la dura salita alla conquista della vetta dello Chaberton, a 3130 metridi quota, percorrendo il vallone di Praclaud. La discesa è molto tecnica con diversi tipi di fondo: strade bianche, sentieri, prati in fiore, pietraie, ghiaioni e letti di torrenti.

Molto spettacolare il passaggio sotto il ponte tibetano di Clavière durante la discesa nelle Gorge di San Gervasio. L’edizione del 2018 è stata vinta da Paolo Bert (Valetudo Serim) con il tempo di 02h,49’,10’’, mentre in campo femminile si era imposta Cecilia Pedroni (Valetudo Serim) in 3h,25’28’.

In contemporanea alla Skyrace si disputerà la terza edizione della Chaberton K2, gara di sola salita, un doppio Vertical Kilometer con uno sviluppo di circa 8 km. La Chaberton K2 farà parte di un nuovo Challenge, il Trofeo VK 3000, insieme ai Vertical del Monte Rosa e del Monte Bianco. Oltre alla classifica relativa a ogni gara, verrà stilata una graduatoria basata sulla somma dei tempi. Lo start della Chaberton K2 sarà sempre alle 9 del 30 giugno, ma gli atleti partiranno dalla frazione Fenils e correranno esclusivamente in salita sino in vetta allo Chaberton. L’arrivo dei “verticalisti” in vetta sarà trasmesso in diretta streaming su di un video wall collocato in piazza Europa a Cesana. A conquistare per primo lo scorso anno la vetta dello Chaberton è stato Simone Eydallin (Gruppo sportivo des Amis) con il tempo di 1h,24’,57’, mentre tra le donne ad imporsi fu Jessica Tieni (Atletica Susa Adriano Aschieris) in 1h,45’,58’.

La novità del 2019 è però la prima edizione della Chaberton Speed Run su di un percorso di 9 km con un dislivello di 285 metri nella pineta che si estende ai piedi dello Chaberton. È un evento dedicato a chi si avvicina al mondo del trail, a chi si sta preparando per percorsi più lunghi, a chi non si sente ancora pronto ad affrontare lo Chaberton e a tutti coloro che vogliono passare un po’ di tempo in compagnia in una natura incontaminata.

Per tutti gli atleti che partecipano alle tre gare sono previsti il pacco gara e il pasta party al termine della loro fatica. Le iscrizioni sono aperte on line sul sito Internet www.trofeomontechaberton.it sino al 28 giugno. Il 29 e 30 giugno sarà possibile iscriversi in loco esclusivamente presso l’Ufficio gara, dove avverrà il ritiro dei pettorali, dalle 13 alle 19.

Il regolamento, le informazioni e la procedura di iscrizione sono disponibili su www.trofeomontechaberton.it

Condividi la pagina su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •