Alba: un ponte tra il “Dentro e il Fuori”. Torna “TuttiDiritti”


Alba: un ponte tra il “Dentro e il Fuori”. Torna “TuttiDiritti”

Molte iniziative sui temi della detenzione.

Si parte il 13 ottobre con “Produzioni Ristrette”

Ad Alba torna “TuttiDiritti” – Carcere, Legalità, Persone” un progetto che ormai da otto anni propone alla cittadinanza albese, durante il periodo autunnale-invernale, una serie di iniziative e attività sui temi legati alla detenzione, alla legalità e ai diritti umani.
L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica locale su un concetto molto semplice e lineare: interessarsi ed investire in dignità e diritti significa interessarsi ed investire in rispetto della legalità sul territorio e nella sicurezza dei cittadini.

I soggetti coinvolti in questa iniziativa sono quelle realtà che agiscono sul territorio albese di carcere e non solo: amministrazioni pubbliche, Istituzioni penitenziarie, soggetti del Terzo Settore, associazionismo, volontariato e mondo della scuola.

“TuttiDiritti”, patrocinato dalla Città di Alba, vede come capofila l’Associazione di volontariato penitenziario Arcobaleno di Alba in collaborazione con la Casa di reclusione “Giuseppe Montalto” di Alba, i Garanti regionale e comunale delle persone private della libertà personale, la Compagnia di Iniziative Sociali – CIS, l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, il Mercato della Terra “Italo Seletto”, Libera Piemonte – presidio di Alba “Mauro Rostagno”, l’Istituto di Istruzione Statale “Umberto I°”.

“TuttiDiritti” gode del sostegno in servizi del Centro Servizi per il Volontariato “Società Solidale” di Cuneo.

Il primo appuntamento come da tradizione sarà Produzioni Ristrette che si terrà domenica 13 ottobre dalle ore 9.00 alle 18.00 in Piazza Pertinace, all’interno e in collaborazione con il Mercato della Terra “Italo Seletto” Onlus. Il momento inaugurale sarà alle ore 11.30.

Verranno presentate esperienze dell’economia penitenziaria, dai beni sequestrati alle mafie e dei progetti di solidarietà.

Cibo, arredi e accessori provenienti da tutta Italia.

L’economia penitenziaria è il riscatto che passa per il lavoro: riduce la recidiva, dà valore al tempo passato in carcere e restituisce dignità.

I progetti sono ancora troppo pochi, ma in crescita; alcuni di questi saranno presenti ad Alba insieme ai prodotti provenienti dai beni confiscati alle mafie e da altri progetti di solidarietà.

Il sindaco di Alba Carlo Bo dichiara: “Ringrazio tutti gli organizzatori per il loro impegno negli anni che ha permesso di giungere oggi all’ottava edizione di questa manifestazione.

L’economia penitenziaria e l’attività di recupero dei detenuti hanno una valenza sociale importantissima e spesso in questi ambiti il ruolo delle associazioni è fondamentale per affiancare le istituzioni pubbliche.

Ritengo importante l’adesione all’evento anche di varie realtà di altre zone d’Italia, perché permetterà alla nostra cittadinanza di avere una visione allargata di quanto si può realizzare”.


Sto caricando la mappa ....

LUOGO: Piazza Pertinace Alba
PROVINCIA DI: Cuneo

DATA: 13/10/2019
ORARIO: 9:00 - 18:00

Aggiungi Evento sul tuo GOOGLE CALENDAR 0


Staff Piemonteventi Marisa Parola
Informazioni su Staff Piemonteventi Marisa Parola 21 Articoli
--